Villa Rizzardi e Giardino di Pojega

La tenuta di Pojega a Negrar è proprietà dei conti Rizzardi sin dal 1649, quando venne acquistata da Carlo Rizzardi, che l’ampliò con ulteriori acquisizioni negli anni successivi. Comprende circa venticinque ettari di vigneti dedicati alla produzione dei vini Guerrieri Rizzardi.
L’importanza del complesso è dovuta allo straordinario giardino che il Conte Antonio Rizzardi (1742-1808), volle creare, unendo l’ispirazione umanistica ad un grande senso della scenografia e del paesaggio, un trionfo della prospettiva. Ne affidò la progettazione a Luigi Trezza (1752-1823), esponente veronese dell’architettura neoclassica veneta, che riuscì a conciliare il giardino all’italiana spettacolare e formale con il giardino romantico nato per ricreare un sofisticato ambiente naturale. Si estende su un’area di 54 mila metri quadri, parte in pendio e parte in piano, articolandosi in tre percorsi paralleli diversi per quota, vegetazione e rapporto all’ambiente. Le naturali pendenze del terreno vengono esaltate con un’appendice semicircolare in cui è il “teatro di verzura”, con sette ordini di gradinate in siepi di bosso, cipressi e nicchie nel carpino, a cui si aggiunge un omaggio alla prospettiva con il viale dei carpini e allo stile neoclassico con le statue che richiamano l’età classica. Il teatro è rivolto a ovest, per sfruttare meglio le luci del tramonto e sul palco, siepi di carpino fungono da quinte per gli attori. Il percorso finale si svolge nel giardino romantico con un bosco di carpini bianchi e neri, aceri campestri, roverelle, lecci e tassi. Nel sottobosco, tra numerose palmette, spuntano minacciosi puma, cani e leonesse di pietra.

Villa Rizzardi, che domina il Giardino, fu costruita nel 1870 in luogo della precedente, su progetto dell’architetto Filippo Messedaglia (1823-1901). La caratterizza una planimetria geometrica regolare “a ferro di cavallo”. Elementi architettonici di rilievo sono le finestre lobate del primo piano e la fascia che corre lungo il perimetro del tetto: uno stile eclettico che fonde barocco, rinascimento e neoclassicismo.
Villa Rizzardi è sede del Concorso di Scultura “Antonio Canova”, progetto culturale di Guerrieri Rizzardi, nato nel 2009 per valorizzare giovanissimi talenti nel campo delle arti plastiche. Può ospitare convegni, congressi, ricevimenti, riunioni di lavoro e cerimonie che si vogliano collocare in un ricercato ambito di campagna, tra le distese di vigneti che da secoli rappresentano la vita della Valpolicella e che ci ricordano la vocazione vitivinicola della famiglia Rizzardi. Il teatro di verzura è luogo privilegiato di cultura ed ospita appuntamenti culturali ed iniziative che siano stimolo del tessuto connettivo di una regione in cui il vino è importante espressione culturale e colturale.


Carlo Rizzardi acquistò la tenuta di Pojega nel 1649, una possessione con “pezze di terra aradora e prativa con vigne, morari, olivi e altri alberi da frutto……” potenziata negli anni successivi con ulteriori acquisizione di terreni. Sin dal Cinquecento, la zona di Negrar, a quindici chilometri da Verona, particolarmente favorita dalla vicinanza al centro urbano e dall’ottimale esposizione climatica, fu oggetto di crescente interesse per gli investimenti fondiari cittadini. All’epoca non era ancora diffusa l’abitudine della villeggiatura in villa e nella costruzione delle residenze di campagna si privilegiava razionalità e funzionalità del centro di conduzione alla bellezza artistica dell’immobile.

Fu il Conte Antonio Rizzardi a commissionare il Giardino di Pojega all’architetto Luigi Trezza che, per la sua realizzazione, avvenuta tra il 1783 e il 1796, si ispirò ai giardini della tradizione veneta cinquecentesca, a dispetto dei canoni tipicamente inglesi in auge al tempo. Nell’epoca in cui il giardino all’italiana veniva trascurato per lasciar posto all’insieme di prato e bosco, denominato giardino all’inglese, il giardino di Pojega, ultimo nel suo genere ad essere creato in Italia, acquista un significato particolare.

Il primo nucleo della Villa, che risale alla fine del Cinquecento, passò agli inizi del Seicento alla famiglia Allegri e venne acquisita successivamente dai Rizzardi. La loro prima residenza era costituita da un edificio composto da quattro corpi di cui tre appoggiati l’uno all’altro in modo da formare un complesso unico e un’appendice sulla sinistra, oltre al vasto fondo agrario. Dal 1729 al 1747 i Rizzardi eseguirono nella villa una serie di interventi di manutenzione ma anche di ampliamento. L’attuale edificio venne costruito nel 1870 su progetto dell’architetto Filippo Messedaglia.
Una villa e un giardino amati e vissuti da illustri inquilini, come l’architetto Pietro Gazzola (1908-1979), noto per il filologico restauro dei ponti della Pietra e di Castelvecchio in seguito alla loro distruzione nel 1945 nella ritirata delle armate tedesche, e lo scultore Miguel Berrocal (1933-2006) che, trasferitosi a Verona per realizzare le proprie opere nelle fonderie locali, vi stabilì per lungo tempo sia lo studio che l’atelier.

La storia enologica di Guerrieri Rizzardi è di fatto tra le più antiche nella viticoltura in Valpolicella: è nel 1649, infatti, che i conti Rizzardi acquisiscono la tenuta di Pojega a Negrar. Con il matrimonio tra Carlo Rizzardi e Giuseppina Guerrieri, proprietaria fin dal XV secolo di vigneti e cantine a Bardolino e in Valdadige, nasce l’azienda agricola Guerrieri Rizzardi (la prima annata è il 1914). Negli anni Settanta del Novecento, l’acquisizione di vigneti e cantina nei territori del Soave Classico ha contribuito ad ampliare la gamma di vini aziendali. L’azienda controlla l’intera filiera di produzione dei propri vini di alta gamma dal vigneto fino alla loro distribuzione internazionale.
Guerrieri Rizzardi fa parte dell’Associazione Famiglie dell’Amarone d’Arte e dell’Associazione Les Hénokiens (International Association of Bicentenary Family Companies).


Villa Rizzardi è particolare location per matrimoni, eventi, banchetti, ricevimenti, cerimonie, meeting, cene di gala, sfilate…
Può ospitare fino a 250 persone sedute e dispone di tutti i servizi logistici necessari, parcheggio esterno, zona riservata alle cucine per servizio catering ed eventuale area esterna per tensostrutture.
per informazioni e prenotazioni: vivilemozione@libero.it
Il Giardino di Pojega è aperto alle visite da Aprile ad Ottobre dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 17.30. Sabato e domenica su prenotazione
Negli stessi orari è aperto anche il rinnovato punto vendita dove è possibile degustare ed acquistare i vini della Valpolicella di Bardolino e di Soave e gli olii extravergini dell’Azienda Agricola Guerrieri Rizzardi.

E’ possibile prenotare la visita guidata con degustazione per gruppi all’indirizzo info@pojega.com


Servizi Offerti :
Location Eventi Aziendali
Location Eventi Privati
Location Eventi Culturali
Location Matrimoni
Location Set Cinematografici
Visite Culturali
Enogastronomia

Caratteristiche Generali

  • Piscina :
  • Wellness SPA :
  • Accessibilità Disabili :
  • Internet :
  • Animali ammessi :
  • Parco o Giardino :

Eventi e Matrimoni

  • Saloni : 6
  • Posti a sedere : 250

Set Cinematografici

  • Set in Esterni :
  • Set in Interni :
  • Set in Giardino :
  • Set in Piscina :
  • Acessibilità Mezzi :

Visite

  • Costo Biglietto : 7.5€
  • Giorni : Lun,Mar,Mer,Gio,Ven,Sab,Dom
  • Orari : 10:00-17:30
  • Bookshop :
  • Visita con Guida :
Villa Rizzardi e Giardino di Pojega

Regione : Veneto

Provincia : VR

Comune : Negrar

Indirizzo : Via di Villa Rizzardi, Località Pojega

C.A.P. : 37024

Sito Web
Visita Sito Web
Info

Luoghi d’interesse nelle vicinanze:

Itinerari alla scoperta di ville e pievi in Valpolicella, itinerari enogastronomici www.valpolicellaweb.it

Dal 6 novembre 2015 San Giorgio di Valpolicella è stato inserito tra i Borghi più belli d’Italia.

Il Parco Naturale Regionale della Lessinia è un’oasi istituita nel 1990 per proteggere e valorizzare natura e patrimonio storico di una vasta area situata a nord-nord ovest di Verona.

Negrar dista circa 15 Km dal centro di Verona e circa 25 km dal lago di Garda


Vuoi Contattare la dimora? compila il form con le informazioni richieste (nessuna commissione è prevista dalla prenotazione tramite questo sito)

Non sono ancora presenti commenti su questa Dimora


Hai Visitato la Dimora? compila il form e facci avere un tuo commento

Scopri le più belle Dimore d'Italia : Veneto

  • Siena, dal ‘200 al ‘400 La Collezione Salini

    Grande successo per la mostra sulla Collezione Salini svoltasi dal 15 giugno al 15 settembre  presso i Magazzini del Sale di Palazzo Pubblico; una raccolta di opere d’arte senesi davvero eccezionale, circa 150 “pezzi” tra dipinti, sculture, oreficerie e maioliche. Le opere sono state presentate nei suggestivi locali dei Magazzini per ricreare lo stile e l’atmosfera del Castello di - [...]
    Vai alla News
  • Cantine aperte in Dimore Storiche

    Il 27 e il 28 maggio, in occasione dell’annuale manifestazione “Cantine Aperte 2017”, promossa dal Movimento del Turismo del Vino, l’Associazione Dimore Storiche Italiane è stata rappresentata da circa 30 aziende vitivinicole consociate. La campagna italiana che circonda numerose dimore storiche è ancora quella dei paesaggi di tante pitture rinascimentali; castelli, cascine, ville e masserie faranno da cornice all’esperienza della scoperta di una produzione vitivinicola di - [...]
    Vai alla News
  • Giornata Nazionale dell’A.D.S.I. – 21 maggio 2017

    Si è svolta domenica 21 maggio 2017 la Giornata Nazionale dell’Associazione Dimore Storiche Italiane: l’iniziativa annuale promossa da A.D.S.I. dove sono state aperte gratuitamente circa 300 splendide residenze d’epoca, castelli, ville, casali, cortili e giardini in tutt'Italia a centinaia di migliaia di visitatori italiani e stranieri.Per celebrare i 40 anni di A.D.S.I. questa - [...]
    Vai alla News
  • Il Grand Tour per Dimore Storiche a Vinitaly

    Verona, 9-12 aprile 2017 – Anche quest’anno ADSI - Associazione Dimore Storiche Italiane è stata presente all'appuntamento di Vinitaly a Verona, a testimonianza del suo crescente impegno nel sostenere la grande tradizione vitivinicola italiana.La partecipazione di soci ADSI alla manifestazione è infatti sempre più numerosa: sono 54 le tenute storiche con cantina che - [...]
    Vai alla News
  • Dimore Storiche nei cieli del mondo con Alitalia

    10 Dimore ADSI sono state citate in 7 pagine del magazine Ulisse di Alitalia con ampi spazi di redazionale dedicati al nostro Grand Tour per un ideale giro d'Italia, dove unire cultura, bellezza e un soggiorno all'insegna della qualità e del saper vivere. Altre dimore nei prossimi numeri.Leggi l'articolo - [...]
    Vai alla News