• IT | EN

Castello Quistini

Matrimoni e ricevimenti esclusivi nel cuore della Franciacorta
Cerca nel sito
Cerca nel sito
Ricerca Avanzata
Nessun prodotto trovato 0 results
Your search results

Contatta la Dimora

Il Castello Quistini in Franciacorta

Il Castello Quistini è la location ideale per organizzare matrimoni e ricevimenti immersi nel verde delle splendide colline della Franciacorta.

Vi troverete immersi in un’atmosfera rilassante tra i profumi e colori dei suoi giardini e splendidi labirinti di rose.

Dispone di una sala ricevimenti in grado di ospitare fino a 190 persone, due grandi portici, un parco di 10.000 metri quadri, gazebo e arredo da giardino.

E’ ovviamente possibile dotare l’evento di un adeguato servizio catering, debitamente personalizzato sulla base delle esigenze di ciascuno.

Il meraviglioso giardino botanico posto al suo interno ha una collezione di oltre 1500 varietà di rose, angoli verdi nascosti, il giardino segreto delle ortensie, il giardino bioenergetico, il brolo; dove potrete ammirare le più strane ed antiche varietà di piante da frutto e un orto dei semplici per un magico e suggestivo percorso olfattivo.

La storia

Il Castello Quistini è conosciuto anche come Palazzo Porcellaga, dal cognome del nobile  che nel 1560 lo fece costruire come residenza fortificata sostitutiva del Castello di Rovato.

Fu edificato in un territorio dove si alternavano la dominazione veneta e quella francese, per questo motivo fu spesso sede di diverse guarnigioni militari.

Durante la seconda metà del 1500 era assai comune che i nobili costruissero palazzi fortificati nelle campagne, ovviamente cintati da mura difensive, per proteggerli dalla numerose battaglie dell’epoca.

Castello Quistini, unico nel suo genere, rappresenta uno degli ultimi esempi di queste architetture.

Ha una cinta muraria a forma di pentagono irregolare con mura sottili,  cinque torrioni agli angoli e una torre di quattro piani posta all’interno.

Per la sua costruzione venne utilizzata la pietra “serena” tipica dell’area del Lago d’Iseo (pietra di Sarnico).  Con questo stesso materiale furono costruiti molti altri