• IT | EN

Castello di Torre in Pietra

Dove natura e storia si incontrano
Cerca nel sito
Cerca nel sito
Ricerca Avanzata
Nessun prodotto trovato 0 results
Your search results

Contatta la Dimora

Il Castello di Torre in Pietra a Fiumicino

Il Castello di Torre in Pietra è un meraviglioso complesso architettonico di origine medioevale, con importanti testimonianze di architettura e pittura sei-settecentesche.
Sono ancora perfettamente conservati il fossato, la torre di guardia e le mura di cinta che abbracciano tutto il complesso, all’interno del quale, nel corso dei secoli, sono stati costruiti e trasformati diversi importanti edifici.
Domina su tutto il palazzo seicentesco, posto al centro del borgo all’interno del quale, salendo al piano nobile, si possono ammirare i magnifici affreschi, opera del pittore Pier Leone Ghezzi, che ha decorato le sale con una sequenza di paesaggi, trompe l’oeuil, scene religiose, figure di nobili e chierici, figure allegoriche, stemmi, ritratti di Cardinali e di Papa Benedetto XIII.
Davanti al palazzo un ampio cortile, in parte lastricato da basolato romano, conduce a due grandi giardini, ombreggiati da platani e pini secolari, con al centro un’antica fontana.
Sul lato destro si affaccia la bella Chiesa ottagonale di S. Antonio Abate, opera settecentesca del celebre architetto Ferdinando Fuga, decorata anch’essa dal Ghezzi.
Sulla sinistra, al piano terra di un altro edificio, si raggiunge la vasta Sala Peretti, con il suo imponente soffitto a volta e il bel camino, recentemente restaurata.
Una cintura di boschi circonda e protegge il Castello che mantiene il suo carattere affascinante e segreto nonostante la sua vicinanza alla via Aurelia e a Roma.

La storia del Castello di Torre in Pietra

L’attuale complesso di edifici ha origini medioevali e si è costituito nella forma di un castrum, un villaggio agricolo fortificato attorno a una residenza signorile, secondo un modello di insediamento rurale molto diffuso all’epoca nella campagna romana; lo si può veder ancora oggi osservando le torri, il bastione, il fossato e le mura di cinta.

Il primo documento nel quale si descrive questo insediamento con l’antico nome di “Castrum Castiglionis” è un testamento che risale al 1254, nel quale viene menzionato tra i beni che un nobile della famiglia romana dei Normanni Alberteschi lascia in eredità a uno dei suoi figli. Diventa in seguito proprietà degli Anguillara e dei Massimo.

Il nome di Torre in Pietra, che deriva da una torre isolata costruita su un roccione di pietra nei pressi del castello, è indicato per la prima volta in una pianta del 1620 dove sono illustrate le tenute dei principi Peretti.
Nel 1590, infatti, la tenuta venne acquistata da Camilla Peretti, sorella di Papa Sisto V°, e Michele Peretti, nipote del Papa, commissionò all’architetto Francesco Peperelli la costruzione di una nuova residenza signorile sui resti del castrum medioevale.

Al piano nobile alcune sale, secondo l’usanza del tempo, vennero rivestite con pannelli di cuoio decorato, altre affrescate. Il palazzo che noi oggi vediamo conserva ancora quasi intatto il suo impianto seicentesco e lo stemma Peretti campeggia ancora sul portone d’ingresso.
Ma l’altissimo tenore di vita intaccò irrimediabilmente il loro patrimonio familiare e così, nel 1639, i Peretti dovettero vendere il castello e la tenuta al principe Orazio Falconieri.

I Falconieri, che ebbero Torre in Pietra tra i loro possedimenti per più di due secoli, erano dei potenti banchieri che raggiunsero l’apice del potere e della ricchezza quando nel 1724 Alessandro, nipote di Orazio, fu nominato Cardinale dal Papa Benedetto XIII°. Tra il 1712 e il 1725, Alessandro volle mutare in parte l’aspetto seicentesco del Castello, chiamando due ingegni del suo tempo: l’architetto Ferdinando Fuga e il pittore Pier Leone Ghezzi.
La chiesa medioevale venne abbattuta e ricostruita su disegno del Fuga, che progettò anche il nuovo scalone d’ingresso al palazzo. Sia la chiesa che i saloni del piano nobile vennero poi affrescati dal Ghezzi.

Dal 1870 il castello e la tenuta passarono nelle mani di numerosi proprietari (i Carpegna, i Florio, la Società Bonifiche Agrarie) e conobbero un lungo periodo di abbandono, fino a quando nel 1926 divennero di proprietà del Senatore Luigi Albertini. Egli, avendo dovuto abbandonare la direzione del Corriere della Sera per la sua opposizione al fascismo, dedicò tutte le sue risorse a una imponente opera di bonifica dei terreni paludosi, di avvio di un’azienda agricola modello, e di restauro del castello, della chiesa e del borgo, coadiuvato dal figlio Leonardo Albertini e dal genero Nicolò Carandini.

I servizi

Ospitiamo set fotografici e cinematografici, mostre e concerti, organizziamo matrimoni, eventi, serate di gala, riunioni, visite guidate.

Matrimoni al castello di Torre in Pietra

Il castello è il luogo ideale per celebrare  matrimoni religiosi nella Chiesa dedicata a S. Antonio Abate e, grazie alla convenzione con il Comune di Fiumicino, il rito del matrimonio civile.

Per i ricevimenti di nozze, i pranzi di gala, ma anche per momenti più familiari come comunioni, cresime, anniversari, possiamo ospitare fino a 200 persone sedute nelle diverse sale al Piano Nobile, 160 nella Sala Peretti e 500 nel giardino.

Per convegni, concerti, presentazioni e giornate di formazione, sono disponibili 180 posti a platea nella Sala Peretti e 90 nel Salone al Piano Nobile e diverse sale per riunioni più ristrette.

Attività di team-building possono svolgersi all’interno, nel giardino, nel bosco circostante, in cantina, e comprendere lezioni di cucina, attività sportive, educativo-culturali, ricreative.

Visite al castello e alla cantina

Organizziamo anche visite guidate al Castello e alla Chiesa e, in collaborazione con la Cantina, degustazioni di vini e visite guidate della Cantina.

Gruppi di visitatori italiani e stranieri possono aggiungere al loro viaggio in Italia una tappa speciale in una dimora storica privata dove immergersi nell’arte, nella cultura, nella cucina italiana.

Gruppi appartenenti ad associazioni culturali e studiosi possono prenotare una visita guidata con richiesta scritta. Le visite sono riservate a gruppi di minimo 15 persone.

Il Castello è aperto al pubblico per una visita gratuita il primo lunedì del mese dalle ore 9.00 alle ore 11.00.

La Chiesa è aperta la domenica e i giorni festivi per la S. Messa alle ore 10.00

Raggiungerci è facile, siamo sulla Via Aurelia a 25 km da Roma, a 3 km dall’Autostrada Roma-Civitavecchia, a 19 km dall’Aeroporto di Fiumicino e a 40 km dal Porto di Civitavecchia.

Internet
Parco o giardino
Accessibilità disabili
Set In Esterni: Si
Set In Interni: Si
Set In Giardino: Si
Accessibilità Mezzi Per Eventi: Si
Telefono: +39 347 6460481
Indirizzo: Piazza di Torre in Pietra, 2
Città:
Regione:
Cap: 00050
Paese: Italia
Telefono: +39 347 6460481

Contatta la Dimora

Compare Listings