• IT | EN

Eliceto Resort

Un luogo di quiete e charme per vacanze indimenticabili
Cerca nel sito
Cerca nel sito
Ricerca Avanzata
Nessun prodotto trovato 0 results
Your search results

Contatta la Dimora

Un antico Palazzo a Buccino

A seguito del trasferimento definitivo negli anni ’80 dell’antico Palazzo Nobiliare dalle famiglie Caracciolo- Elefante ai soci della Casina Elefante fu realizzato un importante restauro dell’edificio resosi ormai necessario a causa dei predetti avvenimenti bellici e del sisma del 1980. Il restauro conservativo, imposto anche dall’osservatorio della Soprintendenza alle arti e tutela del patrimonio storico Italiano ( il cui vincolo è stato scongiurato dai proprietari in quanto fronte dell’assenza di richieste di agevolazioni fiscali e/o finanziarie da parte dello Stato, hanno ottenuto che la Soprintendenza non iscrivesse il Palazzo tra quelli vincolati), fu curato nei minimi dettagli, nel rispetto della conservazione e recupero di materiali antichi e con un consolidamento strutturale eseguito con tecniche moderne ma totalmente attento a non intaccare l’architettura ed estetica originaria, salvaguardando oltremodo l’immagine storica e di pregio dell’antica residenza.

Il Palazzo, in linea con le tecniche di costruzione vigenti tra il 1500 e 1700, ha la struttura portante in pietra, ed in effetti lo si può notare nel deposito posto al piano seminterrato, l’unica area attualmente non intonacata (in fase di restauro per ospitare la SPA).

Nel corso degli anni ’80 gli interventi atti a rendere funzionale la struttura e a consolidarla, sono stati chiaramente eseguiti in cemento armato, avendo cura, come prima precisato, di lasciare intatta (laddove possibile) l’antica struttura portante.

La struttura si presenta perfettamente uguale per i tre piani principale, più il sottotetto, mentre il piano seminterrato, dedicato alla cucina e depositi occupa solo una parte dell’area soprastante

La struttura si presenta, vista dall’alto con una forma a C, e le dimensioni del piano tipo sono di circa 720,00 metri quadri, che per i tre pian tipo dà un totale di mq 2.160,00.
A questi bisogna aggiungere i circa 800,00 metri quadri del piano seminterrato (oggi adibito a cucina, depositi e servizi) oltre ai 700,00 metri quadri del sottotetto che dà un totale complessivo di mq. 3.660,00.
Questi sono le superfici della struttura originaria.

A ciò bisogna aggiungere:
– circa 450,00 metri quadri della sala eventi, oggetto di successivo intervento edile regolarmente assentito con permesso a costruire, dotata di vetrate sui lati e con sulla sinistra dei locali bagni ed un vano tecnico adibito a pizzeria;
– circa 350 mq per roof garden , sala eventi in piscina, oggetto di intervento edile in corso, giusto Permesso a costruire del 2019;
– circa 100 mq per “green house” situati nel parco .
Per arrivare ad un totale complessivo di superfice calpestabile di mq. 5.000, compresi circa mq. 500 dell’unità collabente della particella 808. Foglio 14, Ente urbano Catasto Buccino, oggetto di prossimo intervento di recupero.

L’ingresso posto centralmente al lato principale, con il suo antico portale in pietra, sotto l’unico balcone del Palazzo (annesso all’appartamento del principe), dispone di una reception arredata con mobili d’epoca che conduce all’antica Cappella di famiglia in cui sono ancora presenti l’antico altare e dipinti di Francesco SOLIMENA (la Madonna con i santi della famiglia Caracciolo), procedendo verso la sala eventi/convegni principale di cui sopra, troviamo sulla destra un corridoio che conduce alla scala che porta ai piani superiori e all’ascensore, e verso una serie di locali adibiti a salette relax, al bar.

Sulla sinistra della reception troviamo un corridoio che dà accesso ad un disimpegno (dove si può ammirare un splendido esemplare di arte di fine ‘800 dipinto su maioliche di DE Ruta), che conduce ai bagni del piano terra, nonché al ristorante ed alla zona servizi dello stesso, come l’office.
Questi è dotato di una scala e di un monta carichi che conduce al piano sottostante, il seminterrato di cui alla presentazione, che funge da cucina, deposito e servizi.

I due piani superiori sono quasi speculari e sono occupati tutti camere con bagni, con alla destra dell’ascensore due grandi sale con camino, utilizzate come sala lettura, sala per il tè e sala relax con un antico biliardo.
L’ultimo piano è il sottotetto, adibito momentaneamente a deposito per gli attrezzi.

L’albergo si presenta quindi con un totale di n°29 camere così suddivise per piani; al 1° Piano abbiamo 14 Camere di cui 8 Matrimoniali, 2 Suite, 1 Singola, 2 Triple ed 1 Quadrupla, mentre il 2° Piano presenta 15 Camere con 8 Matrimoniali, 1 Singola, 5 Triple ed 1 Quadrupla. La politica dell’albergo ha esclusole quadruple in favore di ulteriori suite.

La Storia

eliceto resort caraccioloLa storia di Eliceto ha radici lontane, ne troviamo la presenza in documenti ufficiali a partire dall’ XI secolo, in epoca tardo Longobarda e Normanna, da quando si comincia a conoscere il nome dei feudatari che tennero il colle per i secoli successivi.

Fu al tempo dei Re Angioini che Eliceto cominciò a rivivere grazie ai nuovi padroni delle terre fra Buccino e Sicignano, i Caracciolo del Leone, che edificarono il primo nucleo di quella che poi sarebbe diventata la “Casina” nel 1494. La parte più antica del fabbricato era formata da un deposito a volta e da una stanza anch’essa a volta i cui locali sono tuttora riconoscibili. Sicuramente la fabbrica dell’edificio fu ampliata tra il 1500 ed il 1700 e portata alle attuali dimensioni accentuando gli aspetti del “Casino di Caccia”. In quel periodo era stata costruita una secentesca scala esterna a “forcipe” (ferro di cavallo), tipica dei palazzi dell’epoca, successivamente eliminata. Fu l’epoca della costruzione dei più nobili e prestigiosi “Palazzi“ napoletani,

Un ulteriore cambiamento subì la costruzione, tramontata l’epoca dei Caracciolo, quando i possedimenti di Eliceto passarono, alla fine dell’800 nelle mani della famiglia Elefante che trasformò la Residenza di Caccia in una elegante Villa di Campagna, adibita agli svaghi e ai piaceri bucolici dei nuovi proprietari. La proprietà dal 1891 al 1894 subì i seguenti passaggi di proprietà:
– nel 1891 venne acquistata, attraverso un’asta, da Costanza de Rosa figlia di Donna Franceschina Caracciolo;
– nel 1894, il latifondo Eliceto riportato al catasto di Buccino per un’estensione di 462 ettari, fu assegnato dal Tribunale di Salerno a Gennaro Elefante, nobile banchiere napoletano, per un corrispettivo di Lire 89.605 (le cinque lire furono il rialzo sul prezzo base di asta). Certamente il nobile Elefante fu spinto all’acquisto della tenuta, per motivi affettivi e di conservazione della proprietà detenuta dai Caracciolo per circa 4 secoli, in quanto la moglie di Gennaro Elefante, Maria Francesca, era comunque una discendente dei Caracciolo, figlia di Antonino Giusso dei Caracciolo Duca del Galdo. Alla fine del XIX SECOLO il Palazzo Eliceto subì ulteriori e significative trasformazioni a seguito degli importanti interventi di restauro (tetto, pitture e decorazioni, pavimenti maiolicati -ancora presenti in alcune zone del Palazzo-, infissi e servizi) realizzati dall’Architetto Mario Pignatelli Strongoli (tra i più accreditati architetti napoletani) cugino del nuovo proprietario Gennaro Elefante. La spesa per la ristrutturazione costò L. 6.000,00, una cifra importantissima per l’epoca. Basti pensare che la paga media mensile di un operaio si attestava in L. 25,00. Qualche anno dopo, furono costruite la rimessa per le carrozze (attuale ristorante Donna Lulè) e ristrutturata l’antica cantina del 1.400 (attuale locale SPA). Il palazzo fu completamente arredato nel rispetto dello stile “Belle Epoque” in auge tra fine ‘800 inizio ‘900. Maria Francesca Caracciolo e Gennaro Elefante avevano così trasformato il “Casino di Caccia” in una raffinata “Residenza di Campagna”.

L’immagine del Palazzo, a seguito della ristrutturazione, con la sua forma ad L, è la stessa rimasta fino al 1980, quando a seguito della ristrutturazione postuma al sisma dell’80, ha ripreso l’originaria forma a C, attualmente visibile.

Questo passato glorioso, protrattosi fino allo scoppio della grande guerra, fu l’ultimo periodo di splendore di Eliceto, sempre più immerso nella natura che la circondava, mimetizzandosi seppur dominando, condividendo seppur spaziando, diventando parte del paesaggio, non più elemento estraneo al risveglio della primavera, alla fioritura dei campi, ai suoni del bosco, ai profumi del verde, alle tiepide serate primaverili punteggiate di lucciole che completavano il senso di serenità e pace che aleggiava.

Il ventennio fra le due guerre mondiali vide ancora la “Casina” sede degli svaghi della famiglia Elefante, ma nel 1943 la villa visse la sua ultima traumatica avventura. Durante la loro ritirata verso la linea Gustav, i Tedeschi occuparono per breve tempo la struttura, approfittando delle sue dimensioni e della invidiabile posizione strategica. L’abbandono definitivo della Casina, dagli eredi e discendenti dei Caracciolo, fu conseguenza del sisma del 23 novembre 1980, allorquando l’antica famiglia ne decise la vendita alla Società “Casina Elefante”.

I Servizi

suite eliceto resortResort – Ristorazione a la Carte con prodotti bio – Ristorazione HB e FB – Sale Meeting ed Eventi – Cerimonie di ogni tipo – Rito Civile con valenza legale – Piscina a sfioro – Piscine Jacuzzi Idromassaggio – SPA – Roof Garden – Maneggio – Azienda agricola x fattoria didattica e esperienze per gli ospiti con degustazione olio del nostro frantoio, sala svago – palestra – sala lettura – bar interno al Resort e Bar in Piscina

Siti Unesco nelle vicinanze

Borgo antico di Campagna – Grotta di San Michele ad Olevano sul Tusciano – Area Archeologica di Paestum – Contursi Terme – Oasi wwf di Persano – Castello Arechi, Duomo di San Matteo e Museo Diocesiano di Salerno – Antica Volcei di Buccino – Grotte di Pertosa ad Auletta – Certosa di Padula

Piscina
Wellness spa
Internet
Parco o giardino
Accessibilità disabili
Price: a partire da € 60
Posti Letto: 70
Saloni Per Eventi: 3
Posti Per Eventi: 400
Set In Esterni: Si
Set In Interni: Si
Set In Giardino: Si
Accessibilità Mezzi Per Eventi: Si
Telefono: +39 0828 752089
Indirizzo: CONTRADA ELICETO, 84021
Città:
Regione:
Paese: Italia
Telefono: +39 0828 752089

Contatta la Dimora

Compare Listings