• IT | EN

Palazzo Farrattini

Un posto fra storia e natura
Cerca nel sito
Cerca nel sito
Ricerca Avanzata
Nessun prodotto trovato 0 results
Your search results

Contatta la Dimora

Palazzo Farrattini ad Amelia

Palazzo Farrattini, tuttora proprietà della famiglia, ha conservato intatto il suo carattere di dimora dinastica.

Sorge all’interno del borgo medievale di Amelia, cittadina dell’Umbria che mantiene il fascino di un paese fuori dal tempo: tra i vicoli caratterizzati da botteghe artigiane, negozi, ristoranti tipici, spicca l’imponente facciata del Palazzo progettato dal celebre architetto Antonio Da Sangallo il giovane.

Varcata la soglia ed attraversato l’atrio, che conserva la sua pavimentazione originale a spina di pesce, lo sguardo si apre sul giardino e sull’uliveto che si estendono su un’area di 10.000mq dove si trova la piscina da cui si gode un panorama irripetibile della campagna amerina.

Al piano nobile si trova il grande Salone del Sangallo con un fregio pittorico a cornice ultimato alla fine del 1500 per le nozze di Giovanni V Farrattini con Plantilla Pojani che porterà in dote il feudo di Piediluco ed il nome che da allora affianca quello dei Conti Farrattini per dispensa papale.

Bellissimo il grande camino attribuito allo stesso Sangallo per la parte inferiore e allo Scalza nella parte superiore (l’autore dei monumenti funebri della Cappella Farrattini nel Duomo di Amelia).

Il piano nobile si compone di altre sei sale tra cui quella detta “degli Imperatori”, rivestita da grottesche neoclassiche su stoffa e cinque eleganti camere da letto, ognuna con un suo stile, ma tutte caratterizzate dal fascino dei cinque secoli di storia della dimora.

La storia di Palazzo Farrattini

Notabili di Amelia già alla fine del 1300, i Farrattini giungono, nel XVI secolo, a portare a Roma tre esponenti della famiglia che arriveranno a posizioni di rilievo nella Chiesa e Curia romana.

Parliamo dei tre vescovi Bartolomeo II, Baldo I e Bartolomeo III che diverrà poi Cardinale nei primissimi del XVII secolo.

Ad Amelia Bartolomeo II intende significare ai concittadini l’enorme prestigio di cui gode la famiglia attraverso la costruzione del Palazzo: in quegli anni Bartolomeo II, così come più tardi sarà il nipote Bartolomeo III, era Prefetto della Basilica di San Pietro nel momento in cui viene assegnato al Sangallo l’incarico di portare a compimento il lavoro iniziato dal Bramante, contatto che diviene più di una semplice conoscenza se spinse l’architetto ad accettare un incarico di tale impegno ad Amelia.

L’importanza della famiglia, ed in particolare del Cardinal Farrattini è tale da venire citato dal Vasari nelle sue Vite degli artisti. La stessa pianta autografa della casa si trova oggi agli Uffizi.

Oltre alle numerose proprietà ad Amelia, Bartolomeo III farà costruire a Roma il Palazzo Farrattini, ora di Propaganda Fide, in piazza di Spagna, che ancora oggi da il nome alla strada che vi conduce dal Corso: via Frattina.

Non avrebbe trovato compimento l’incarico affidato al Michelangelo per un monumento funebre da collocarsi nella chiesa dei SS Apostoli a Roma.

Canonici della Basilica Vaticana e reggenti di cancelleria, hanno rivestito ruoli primari nella Curia servendo ben 10 Pontefici.

Vescovi di Amelia dal 1558 al 1571, hanno avuto un membro della famiglia all’interno del consiglio dei dieci e degli imbussolatori (istituzioni preposte al governo della città) ininterrottamente dal 1514 al 1809.

I servizi: location matrimoni ed eventi di charme in Umbria

Prezzi per matrimoni: da € 1.500 fino a € 1.800

Prezzi per eventi aziendali: da € 1.000 fino a € 1.500

Prezzi per eventi vari: preventivo su richiesta

Prezzi visite: offerta libera

Orari visite: su appuntamento

Piscina
Internet
Animali ammessi
Parco o giardino
Price: € 150 / giorno
Bedrooms: 5
Posti Letto: 10
Saloni Per Eventi: 4
Set In Esterni: Si
Set In Interni: Si
Set In Giardino: Si
Accessibilità Mezzi Per Eventi: Si
Indirizzo: Via Farrattini. 52
Città:
Regione:
Cap: 05022
Paese: Italia

Contatta la Dimora

Compare Listings