Palazzo la Marmora

Prezioso esempio di Casa Museo, appartiene da sempre alla stessa famiglia che ne conserva le testimonianze di otto secoli di storia

Comune:Biella
Regione: Piemonte e Valle d'Aosta
palazzo la marmora biella
Palazzo La Marmora Grande Galleria
Palazzo La Marmora estate2021
galleria palazzo la marmora
palazzo la marmora vista panoramica
palazzo la marmora visite culturali
palazzo la marmora visite
palazzo la marmora vacanze biella
palazzo la marmora salone
palazzo la marmora palazzo storico biella
palazzo la marmora matrimonio
palazzo la marmora location ricevimenti biella
palazzo la marmora location matrimoni biella
palazzo la marmora giardino
palazzo la marmora eventi biella
palazzo la marmora e1526292411493
palazzo la marmora dimora storica piemonte
palazzo la marmora charme relax piemonte

Contatta la dimora

Palazzo la Marmora: eventi e ospitalità a Biella

Con la sua Torre Ottagonale quattrocentesca e l'imponente facciata neoclassica dai colori pastello, Palazzo La Marmora è parte del tessuto urbano del Piazzo, il borgo antico di Biella, quasi sospeso a metà strada tra i primi contrafforti delle Alpi e lo spazio aperto della pianura.

Da otto secoli il Palazzo è la casa dei Marchesi Ferrero della Marmora, oggi Mori Ubaldini degli Alberti La Marmora. E’ uno spazio complesso, vivo, nel quale gli aspetti intimi e quotidiani della vita domestica si sono da sempre mescolati alle alterne vicende della Storia.

E’ un esempio di Casa Museo che ha conservato attraverso i secoli la sua unicità dal punto di vista architettonico, ma anche arredi, quadri e archivi che testimoniano sia le vicende delle diverse generazioni della famiglia proprietaria, sia aspetti della storia, dell’arte e dei costumi delle varie epoche.

A Palazzo La Marmora ci si muove tra spazi imprevedibili e vedute inaspettate. Superato il cortile e l’Ingresso Ovale, vi colpirà la meraviglia di luce e colori del Giardino d’Inverno, un porticato a doppie colonne, chiuso a fine Ottocento da alte vetrate, che si affaccia sul giardino d’impianto Rinascimentale. Nel Giardino d’Inverno un magnifico esemplare bicentenario di Ficus repens copre un’intera parete, stendendo i suoi rami, modellati in festoni e campane, lungo le curve della volta in un gioco di luci, prospettive, forme che cambia a seconda delle ore e delle stagioni. Oltre le vetrate di ghisa, si svela il giardino, uno spazio al tempo stesso intimo e raccolto come un chiostro, eppure aperto a perdita d’occhio sulla città e la valle Padana. Dalla cima della piccola torre quadrata, al centro del palazzo, la vista spazia a 360 gradi su uno scenario mozzafiato.

Nelle sale monumentali, affreschi, mobili e suppellettili vi racconteranno i personaggi vissuti nella casa: da Sebastiano Ferrero, generale delle Finanze del Ducato di Milano nel 1500, all'ambasciatore Filippo Ferrero della Marmora che suggellò matrimoni regali tra il Piemonte e la Francia nel 1700; da Raffaella, madre dei generali La Marmora del Risorgimento, ai discendenti di Leon Battista Alberti, che qui giunsero nel 1899; dalla famiglia dei Conti Cavazza di origine bolognese a Guglielmo Alberti, un umanista del Novecento, intellettuale, scrittore, critico musicale e cinematografico.

Da giugno 2021 è aperta al pubblico per la prima volta la Grande Galleria al primo piano: il salotto di Casa La Marmora fino al 1945 riportato alla sua bellezza originaria con collezioni di dipinti e arredi. La Grande Galleria è contigua alla Sala da Ballo, affrescata a trompe-l’oeil dai fratelli Galliari e alla Sala del Biliardo.

Da trent'anni Palazzo La Marmora, per iniziativa della famiglia, è una dimora aperta. Ospita matrimoni, eventi privati e aziendali. Offre ospitalità turistica negli appartamenti del residence Le Scuderie. E’ visitabile da gruppi, singoli o studenti tutto l’anno. E può diventare una location cinematografica esclusiva e sorprendente.

La storia di Palazzo la Marmora

Palazzo La Marmora costituisce un nucleo consistente del borgo del Piazzo a Biella, luogo in cui i primi insediamenti si fanno risalire al 1160. A quella data l’abitato della città di Biella Piano era già consistente e i Vescovi di Vercelli promulgarono un editto che offriva privilegi a chi si fosse trasferito sulla collina morenica sovrastante.

La mitologia della famiglia Ferrero della Marmora vuole che un ramo degli Acciaiuoli di Firenze abbia preso dimora a Biella con il nome di Ferrero intorno al 1100 e che con un atto di Federico Barbarossa del 1165 sia stato loro concesso di inquartare il leone linguato e membrato dello stemma con l’aquila bicipite dell’Impero.

Se ci atteniamo ai dati verificabili troviamo documenti che sono di tre secoli posteriori sulle origini delle case dei Ferrero al Piazzo: si tratta dei consegnamenti catastali fatti da Besso Ferrero nel 1450, nel 1459 e nel 1466.

Un palazzo storico di Biella

Palazzo La Marmora è un edificio complesso, composto da corpi di fabbrica elevati in epoche diverse che si articola in 5 cortili e il giardino, giunto agli attuali proprietari Mori Ubaldini degli Alberti La Marmora per via ereditaria; è una dimora storica e un monumento nazionale sottoposto al vincolo, in base a un provvedimento del 1908 registrato nel 1943.

Studi recenti hanno potuto documentare che, nel corso delle generazioni, il Palazzo si è sviluppato attraverso una serie di acquisizioni di fabbricati che solo in un secondo tempo venivano integrati con il complesso della famiglia Ferrero. Se alcuni nuclei del fabbricato possono essere riconosciuti come risalenti alla seconda metà del XIV secolo, il Palazzo muta attraverso un intreccio di interventi, aggiunte e modifiche databili tra il 1600 e la seconda metà del 1700.

Soltanto con Celestino Ferrero (1754 - 1805) e l’intervento da lui voluto dell’architetto torinese Filippo Castelli (1738 - 1808) si manifesta una volontà unificatrice e razionalizzatrice, i cui segni più vistosi sono la grande facciata neoclassica su Corso del Piazzo, il cortile d’accesso, l’Ingresso Ovale e lo Scalone, mentre quello più prezioso è un salone da ballo al piano superiore, fatto decorare dalla bottega dei fratelli Galliari.

Elemento distintivo è poi la Torre dei Masserano o di Sebastiano Ferrero. Alta 32 metri a pianta ottagonale, venne costruita nella seconda metà del 1400 per iniziativa di Sebastiano Ferrero, uno dei nobili biellesi più influenti della sua epoca, il quale ricoprì sia l'incarico di Tesoriere del Ducato di Savoia, sia di Capo delle Finanze del Ducato di Milano.

Nel corso del 1800 i Ferrero della Marmora realizzano alcuni interventi per perfezionare fabbricati già esistenti o aggiungere funzioni nuove. La facciata del Palazzo è stata restaurata per intero tra il 2015 e il 2016.

I servizi: matrimoni, eventi di gala, meeting ed eventi aziendali a Biella

Da trent'anni esperti di accoglienza e al passo con l’innovazione, Palazzo La Marmora unisce charme, esclusività ed eleganza a competenza e flessibilità. Gli spazi dedicati sono: cinque sale affrescate e con arredi antichi; il Giardino d’Inverno, cioè una serra verde, ampia e riscaldata, connessa al giardino; gli spazi arredati e riscaldati delle Scuderie; un ampio giardino aperto a terrazza sulla città, adatto a diverse soluzioni di allestimento.

Questi spazi possono ospitare fino a 300 persone e sono utilizzabili 12 mesi l’anno. I locali di servizio, tra i quali ampia cucina attrezzata con cella frigorifera, e gli spazi per gli ospiti sono disposti in modo tale da rendere agevole l’attività dei vari fornitori (catering, decorazioni floreali, servizi tecnici, ecc).

Palazzo La Marmora collabora con una squadra di professionisti selezionati, ma senza rapporto di esclusiva e accetta quindi collaborazioni esterne. Il Palazzo è raggiungibile coi mezzi pesanti di servizio, con possibilità di parcheggiare nei cortili interni. Nelle vicinanze, si trova il parcheggio pubblico gratuito “Borgo del Piazzo” con 134 posti auto in silos e numerosi all’esterno.

Residence Le Scuderie

Affacciati su uno dei cinque cortili del Palazzo, gli appartamenti del residence sono un’oasi di pace nel cuore antico di Biella. Gli appartamenti Lo Stalliere e il Cocchiere ospitano da 2 a 4 persone, mentre il Fienile ne può ospitare fino a 5. In tutti gli appartamenti è presente un angolo cottura con frigorifero e una minima dotazione di stoviglie e posate. E’ fornita lingerie da letto e da bagno. Servizio di cambio e pulizia settimanali. Il residence ha un ingresso auto riservato con possibilità di parcheggiare nel cortile interno.

Location cinematografica

Disponibilità per riprese esterni/interni e giardino. Accessibilità per i mezzi pesanti del trasporto attrezzature.

Visite guidate

Le domeniche pomeriggio da giugno a ottobre su prenotazione, durante eventi annuali locali e nazionali (Giornata Adsi e simili), tutto l'anno su appuntamento. Informazioni ed eventi speciali sul sito web

Cose mai viste a Palazzo la Marmora

Scopri gli spazi privati aperti per la prima volta al pubblico, le collezioni, gli arredi, gli archivi. Rilassati nel verde del Giardino affacciato sulla città. Prenota una visita e trascorri qualche ora come ospite a Palazzo. Scopri sul sito "Cose mai viste a Palazzo La Marmora"

 Palazzo La Marmora è visitabile 

dal 25 giugno al 25 settembre sabato e domenica dalle 15 alle 19.

In agosto aperto anche tutti i giovedì e venerdì e il lunedì di Ferragosto dalle 15 alle 19.

VISITE GUIDATE della durata di 50 minuti: visita di tutto il palazzo con guida professionale oppure ogni domenica alle ore 17 con il proprietario.

VISITE NON GUIDATE:  visite di singole aree

  • giardino storico 2) sale affrescate 1600 al piano terreno 3) torre rettangolare

4) Sala del Galliari e Grande Galleria al primo piano [in alcune date]

TARIFFE VISITE GUIDATE

  • € 10,00 visita guidata dell’intera Casa Museo con guida professionale
  • € 15,00 visita dell’intera Casa Museo con la guida di Francesco Alberti La

Marmora ogni domenica ore 17.

TARIFFE VISITE NON GUIDATE

€ 3,00   Giardino storico

€ 3,00   Torre rettangolare

Combinata 1  

€ 5,00    Giardino storico & Torre rettangolare

€ 5,00    Piano terreno sale affreschate 1600 

Combinata 2   

€ 8,00    Piano terreno sale affreschate 1600 + giardino storico +  torre rettangolare

€ 5,00   Primo piano Sala Galliari e Grande Galleria

Combinata 3

€ 8,00  Primo piano Sala Galliari e Grande Galleria + giardino storico +  torre rettangolare

Ingresso gratuito sotto i 12 anni  e per gli abitanti del borgo del Piazzo.

Abbonamento Piemonte Musei temporaneamente non attivo.

Verificare sempre sul sito e su facebook i dettagli di orari e modalità di visita per eventuali variazioni.

Per organizzare visite al di fuori degli orari di apertura dovrete prenotate scrivendo a info@palazzolamarmora.it

Altre dimore nella regione

Con gli stessi servizi

Per le stesse esperienze

Servizi

Esperienze

Animali ammessi
Parco giardino
Set esterni
Set interni
Set giardino
Posti letto:13
Saloni per eventi:7
Posti per eventi:300