• IT | EN

Villa Pianciani

Una residenza signorile di campagna nel territorio spolentino
Cerca nel sito
Cerca nel sito
Ricerca Avanzata
Nessun prodotto trovato 0 results
Your search results

Contatta la Dimora

Villa Pianciani a Spoleto

Sulla sommità di una collina immersa tra gli ulivi, un lungo viale bordato di lecci e cipressi secolari conduce al complesso monumentale di Villa Pianciani, tra i più notevoli esempi di residenza signorile di campagna del territorio Spoletino.

Concepito dalla visione illuminata dei conti Pianciani, il progetto venne affidato all’allora esordiente e geniale architetto Giuseppe Valadier divenendo una realtà unica fra i tesori dell’architettura umbra di fine settecento.

Diversi edifici e un grande parco compongono il complesso: la Villa (Casino Principale) chiamata al tempo per la sua bellezza la Delizia dei Pianciani, collegata da un tunnel sotterraneo al suo annesso (Vecchie Cucine), la cappella autonoma alle spalle della Villa e le antiche stalle ( oggi purtroppo rudere).

Attorno alla villa, disegnato dallo stesso Valadier, il magnifico parco, anche esso vincolato e protetto dalla Sovrintendenza alle Belle Arti dello Stato Italiano.

Siepi di bosso ed alberi secolari, due grandi gazebi in ferro originariamente destinati a roseti, un ampio piazzale ellittico racchiuso da tra due esedre sul fronte Villa e un giardino segreto con tempietto, fontana e meridiana delineano l’impianto dell’insieme, che, grazie alla sua previlegiata posizione, offre un affaccio a 360° su un panorama di incantevole bellezza che si estende da Spoleto ad Assisi, Montefalco e i Monti Martani e lascia percepire in lontananza il profilo dei Monti Sibillini.

Sul retro della cappella settecentesca, al colmo della collina tra gli ulivi, è stata realizzata una grande piscina che gode di un ampia vista sulla valle.

Il corpo principale della Villa, è stato recentemente restaurato nel rispetto della sua storia e delle decorazioni d’epoca e offre, al suo interno, ambienti eleganti e raffinati arredi d’epoca.
Al piano terra, attorno all’ampio cortile interno, un grande salone, un salotto con biliardo, la galleria d’ingresso completamente dipinta, la sala da pranzo con camino, una grande cucina attrezzata ed un bagno.

Sui diversi lati del piano nobile, intervallate da salotti e altri ambienti comuni, si distribuiscono le stanze da letto; rinnovate anch’esse con estrema cura, godono tutte di diversi ma magnifici affacci sulla valle. L’eccezionale panorama si apre sconfinato ed emozionante dalla grande terrazza a sud che domina la valle di Spoleto.

La storia di Villa Pianciani

Sul finire del ‘700, Il Conte Alessandro Pianciani, (nonno del famoso Luigi,1810-1890 uomo politico di spicco per ben due volte sindaco di Roma ) discendente di una delle più importanti famiglie nobiliari del territorio, sposa Costanza Collicola . Si dice che per celebrare l’unione delle due grandi e potenti casate (Pianciani e Collicola) del comprensorio Spoletino , decise di acquistare nel 1794 la sommità del colle della tenuta di Terraja, denominata “Il Monte”, per fare realizzare una nuova e magnifica residenza estiva completamente aperta a 360′ sull’orizzonte, da cui rimirare sia la valle che i monti vicini ….“l’incantevole panorama costituisce la magnificenza di questo soggiorno”.

Con grande intuito e certamente grazie anche alle sue frequentazioni, (l’entourage di papa Braschi) il Conte Alessandro decise di affidare il progetto ad un giovane architetto molto brillante che iniziava in quegli anni a farsi conoscere a Roma e a Spoleto.

Giuseppe Valadier disegnò l’impianto di tutto il complesso di Villa Pianciani, trasformando una semplice proprietà agricola con un piccolo manufatto medioevale in una prestigiosa residenza patrizia, dove natura, paesaggio e architettura convivono con un equilibrio e un gusto assolutamente straordinari. La Villa per la sua bellezza fu presto chiamata “la Delizia dei Pianciani“. All’interno del grande parco, anch’esso disegnato dal Valdier , si ritrovano il “Casino Principale ”(la Villa) con muri ellittici che si sporgono sul fronte del parco verso grandiosi gazebi in ferro (roseti), la cappella, una “casa” , una stalla e un giardino segreto con fontana e meridiana e belvederi e altri manufatti oggi scomparsi; tutte “membra” autonome di un unico “organismo” che trova nel caratteri stilistici e nelle funzioni complementari, svolte dalle singole parti, la sua ragione d’essere e il suo incredibile valore artistico.

La vastità di tempo che fu necessaria per la realizzazione di tutto il complesso fece si che altri architetti seguirono le ultime fasi dei lavori (come si apprende da documenti degli archivi ) fra cui Pietro Ferrari per la realizzazione del salone a cupola.

Alla fine dell’ 800, una grave crisi economica colpì la famiglia e causò la vendita di molti beni fra cui gran parte dei preziosi arredi della villa, fra cui le statue romane che adornavano il parco.

Agli inizi del 900, per vicissitudini finanziarie, il complesso e anche la Villa furono divisi in due parti, con conseguenti gravi manomissioni e demolizioni dell’impianto originario.

Soltanto a partire dagli anni ’90 del secolo scorso, un ramo della famiglia, erede (in linea femminile da Matilde Pianciani), di una delle due parti, è riuscito a riacquisire, con grande impegno e generosi sforzi , la totalità del Complesso e della Villa.

Gli anni seguenti sono stati interessati da un impegnativo, importante e lunghissimo piano di recupero e di restauro con duplice finalità: il restauro “fisico” mirante a far riemergere l’impianto originario sia del parco che della Villa e il recupero “filosofico” mirante a rendere il complesso un luogo vivibile e di eccellenza, offrendolo al mondo e al suo territorio che per anni non ha potuto neanche accorgersi della sua bellezza.

Con questo obiettivo e in questa direzione è stato fondata l’Associazione Culturale Matilde Pianciani che gestisce il Complesso con diversi programmi dedicati alla sua salvaguardia, alla promozione e alla valorizzazione del Bene al fine di garantirne il mantenimento e la cura che questo tipo di straordinaria realtà richiede costantemente.

I servizi: hotel di charme, location matrimoni ed eventi in Umbria

Cosa fa oggi Villa Pianciani:

Ospitalità: per grandi gruppi e famiglie con utilizzo esclusivo per soggiorni privati dell’intero Complesso o dei singoli edifici con diverse formule di servizio personalizzate.
Accoglienza individuale con possibilità di soggiornare a Villa Pianciani Residenza d’Epoca
con servizio di prima colazione e possibilità di pranzi e cene su richiesta.
Organizzazione di corsi, convegni, eventi, celebrazioni, colazioni, seminari e varie
forme di retreats dedicati al benessere fisico e spirituale, all’enogastronomia e alla salute alimentare.
Eventi: cornice straordinaria per accogliere un’ampia scelta di eventi e celebrazioni personali
(matrimoni, compleanni, feste e riunioni di famiglia). Sono disponibili varie opzioni di uso ed affitto
della Villa e del Parco comprensive di supporto organizzativo per ogni necessità.
Location: utilizzo del Parco e della Villa come location per eventi culturali, servizi fotografici,
riprese televisive o cinematografiche.

Servizio di base incluso nell’utilizzo della Villa:
Assistenza organizzativa all’arrivo e referente del Complesso disponibile ogni giorno (eccetto la domenica) dalle ore 8 alle ore 12, servizio di pulizia delle piscine e giardiniere 4 ore al giorno. Cambio e pulizia delle camere ogni 3 giorni e pulizia finale.
Su richiesta la Villa può fornire numerose opzioni di servizi e tutte le preparazione pasti.

La gestione della Villa è supportata anche da A.C.M.P. che è un associazione senza scopo di lucro che ha assunto l’impegno della gestione del complesso monumentale e del parco, con lo scopo di promuovere programmi – anche pluriennali di medio e lungo termine – in funzione della tutela, della promozione e della valorizzazione del Complesso Monumentale di Villa Pianciani e del suo territorio.
In collaborazione con istituzioni nazionali ed internazionali organizza attività didattiche e di formazione legate all’arte ed alla cultura in genere, alle tradizioni locali e alla difesa della natura e dell’ambiente: corsi residenziali, seminari, volontariati e workshops, allestimenti di mostre, spettacoli, eventi, convegni, incontri, residenze di artisti, vacanze lavoro e internships internazionali.

Piscina
Internet
Parco o giardino
Accessibilità disabili
Bedrooms: 14
Posti Letto: 31
Saloni Per Eventi: 3
Posti Per Eventi: 400
Set In Esterni: Si
Set In Interni: Si
Set In Giardino: Si
Accessibilità Mezzi Per Eventi: Si
Indirizzo: Fraz. Terraja, 44
Città:
Regione:
Cap: 06049
Paese: Italia

Contatta la Dimora

Compare Listings