Villa Guevara

Il giardino fu realizzato alla fine del secolo XVIII per volere della Duchessa Anna Maria Suardo Guevara, Duchessa di Bovino, dama di compagnia della regina di Napoli, Maria Carolina.

Il 3 settembre 1781 Ferdinando IV di Borbone concede il privilegio di un “carlino di acqua” proveniente dalla cascata della vicina Reggia di Caserta per l’irrigazione del nuovo giardino, che risente, con le dovute proporzioni, dell’influenza del parco borbonico. L’impianto, esteso su 1,7 ettari, fu concepito e disegnato secondo il modello dei giardini all’italiana. Fulcro della composizione è il “viale degli ombrellini“, uno dei più singolari esempi di ars topiaria del ‘700. A distanza di alcuni decenni l’originale aspetto geometrico fu contaminato dalla piantumazione dell’albero della canfora e dell’albero dei tulipani, lasciati crescere spontaneamente senza alcuna potatura.

La commistione tra rigore all’italiana e informalità all’inglese si perpetuò con l’introduzione della camelia e della dell’Acacia pudica o Sensitiva.

Le successive concezioni paesaggistiche trasformeranno il preesistente bosco delle battute di caccia, già all’epoca vecchio di duecento anni, nell’attuale romantica passeggiata pittoresca.

Di particolare interesse botanico è la presenza, in giardino, della Camelia japonica “Atroviolacea”, preziosa antica camelia dal bel colore viola, che si suppone discenda  dalla importante collezione di camelie coltivate nella vicina Reggia di Caserta.


Il giardino fu realizzato alla fine del secolo XVIII per volere della Duchessa Anna Maria Suardo Guevara, Duchessa di Bovino, dama di compagnia della regina di Napoli, Maria Carolina.

Il 3 settembre 1781 Ferdinando IV di Borbone concede il privilegio di un “carlino di acqua” proveniente dalla cascata della vicina Reggia di Caserta per l’irrigazione del nuovo giardino, che risente, con le dovute proporzioni, dell’influenza del parco borbonico.

L’impianto, esteso su 1,7 ettari, fu concepito e disegnato secondo il modello dei giardini all’italiana. Fulcro della composizione è il “viale degli ombrellini“, uno dei più singolari esempi di ars topiaria del ‘700.

A distanza di alcuni decenni l’originale aspetto geometrico fu contaminato dalla piantumazione dell’albero della canfora e dell’albero dei tulipani, lasciati crescere spontaneamente senza alcuna potatura.

La commistione tra rigore all’italiana e informalità all’inglese si perpetuò con l’introduzione della camelia e della dell’Acacia pudica o Sensitiva.

Le successive concezioni paesaggistiche trasformeranno il preesistente bosco delle battute di caccia, già all’epoca vecchio di duecento anni, nell’attuale romantica passeggiata pittoresca.

Di particolare interesse botanico è la presenza, in giardino, della Camelia japonica “Atroviolacea”, preziosa antica camelia dal bel colore viola, che si suppone discenda  dalla importante collezione di camelie coltivate nella vicina Reggia di Caserta.


Prezzo intera proprietà al giorno: da concordare
Prezzo intera proprietà a settimana: da concordare
Prezzo intera proprietà weekend: da concordare

Visite:
Ingresso € 15,00 a persona, per gruppi di 20 persone mimino, include visita guidata e drink di benvenuto.
Possibilità di organizzare colazioni e pranzi con tariffe da concordare.

Nella villa non è possibile soggiornare


Servizi Offerti :
Location Eventi Privati
Location Eventi Culturali
Visite Culturali
Enogastronomia

Caratteristiche Generali

  • Piscina :
  • Wellness SPA :
  • Accessibilità Disabili :
  • Internet :
  • Animali ammessi :
  • Parco o Giardino :

Eventi e Matrimoni

  • Saloni : 10
  • Posti a sedere : Dato n.d.

Visite

  • Costo Biglietto : 15€
  • Giorni : Lun,Mar,Mer,Gio,Ven,Sab,Dom
  • Orari : Dato n.d.
  • Bookshop :
  • Visita con Guida :
Villa Guevara

Regione : Campania

Provincia : CE

Comune : Recale

Indirizzo : Piazza della Repubblica, 5

C.A.P. : 81020

Info

Luoghi d’interesse nelle vicinanze:

Palazzo Reale di Caserta (Appartamenti Storici e Parco Reale)
Acquedotto Carolino, Maddaloni (Caserta)
Casino Reale del Belvedere di San Leucio (Caserta)
Duomo e Borgo Medioevale di Casertavecchia
Anfiteatro Romano e Mitreo di Santa Maria Capua Vetere (Caserta)
Museo Archeologico Campano (Capua)
Città di Capua (Caserta)
Abbazia di Sant’Angelo in Formis (Caserta)
Palazzo Mondo (sec. XVIII), Capodrise (Caserta)


Vuoi Contattare la dimora? compila il form con le informazioni richieste (nessuna commissione è prevista dalla prenotazione tramite questo sito)

Non sono ancora presenti commenti su questa Dimora


Hai Visitato la Dimora? compila il form e facci avere un tuo commento

Scopri le più belle Dimore d'Italia : Campania

  • Siena, dal ‘200 al ‘400 La Collezione Salini

    Grande successo per la mostra sulla Collezione Salini svoltasi dal 15 giugno al 15 settembre  presso i Magazzini del Sale di Palazzo Pubblico; una raccolta di opere d’arte senesi davvero eccezionale, circa 150 “pezzi” tra dipinti, sculture, oreficerie e maioliche. Le opere sono state presentate nei suggestivi locali dei Magazzini per ricreare lo stile e l’atmosfera del Castello di - [...]
    Vai alla News
  • Cantine aperte in Dimore Storiche

    Il 27 e il 28 maggio, in occasione dell’annuale manifestazione “Cantine Aperte 2017”, promossa dal Movimento del Turismo del Vino, l’Associazione Dimore Storiche Italiane è stata rappresentata da circa 30 aziende vitivinicole consociate. La campagna italiana che circonda numerose dimore storiche è ancora quella dei paesaggi di tante pitture rinascimentali; castelli, cascine, ville e masserie faranno da cornice all’esperienza della scoperta di una produzione vitivinicola di - [...]
    Vai alla News
  • Giornata Nazionale dell’A.D.S.I. – 21 maggio 2017

    Si è svolta domenica 21 maggio 2017 la Giornata Nazionale dell’Associazione Dimore Storiche Italiane: l’iniziativa annuale promossa da A.D.S.I. dove sono state aperte gratuitamente circa 300 splendide residenze d’epoca, castelli, ville, casali, cortili e giardini in tutt'Italia a centinaia di migliaia di visitatori italiani e stranieri.Per celebrare i 40 anni di A.D.S.I. questa - [...]
    Vai alla News
  • Il Grand Tour per Dimore Storiche a Vinitaly

    Verona, 9-12 aprile 2017 – Anche quest’anno ADSI - Associazione Dimore Storiche Italiane è stata presente all'appuntamento di Vinitaly a Verona, a testimonianza del suo crescente impegno nel sostenere la grande tradizione vitivinicola italiana.La partecipazione di soci ADSI alla manifestazione è infatti sempre più numerosa: sono 54 le tenute storiche con cantina che - [...]
    Vai alla News
  • Dimore Storiche nei cieli del mondo con Alitalia

    10 Dimore ADSI sono state citate in 7 pagine del magazine Ulisse di Alitalia con ampi spazi di redazionale dedicati al nostro Grand Tour per un ideale giro d'Italia, dove unire cultura, bellezza e un soggiorno all'insegna della qualità e del saper vivere. Altre dimore nei prossimi numeri.Leggi l'articolo - [...]
    Vai alla News