Villino Volterra

Il Villino Volterra, costruito tra il 1904 e il 1907 è situato ad Ariccia, nei Castelli Romani, tra la via Appia e via Vito Volterra e comprende un edificio principale, due dependance e un rigoglioso giardino.
Dal 2016 il complesso è stato dichiarato di interesse culturale dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e vincolato con la seguente motivazione: “Il villino è storicamente importante perché testimonianza di un modus vivendi della borghesia romana che individuava, negli immediati dintorni di Roma, luoghi di residenza estiva andando così a costituire veri e propri quartieri di villini; presenta un apparato architettonico di indubbia qualità, dovuto ad uno degli architetti più conosciuti e stimati agli inizi del ‘900, Giulio Magni, accogliendo al suo interno anche un esempio della decorazione pittorica tipica dell’epoca; vanta un giardino ricco di molte varietà botaniche e ornato da circa centocinquanta frammenti archeologici. E’ stato, grazie all’alta levatura socio-culturale del suo proprietario, luogo di ritrovo, di studio e di scambio di esperienze per il mondo scientifico internazionale, divenendo la dimora ariccina più prestigiosa dopo i Palazzi Chigi e Primoli”.
L’edificio principale si compone di tre piani, ampi saloni con alti soffitti e stanze con grandi finestre. Sono presenti anche una serra con locale annesso e un edificio più piccolo che un tempo ospitava il custode.
La proprietà è immersa in uno splendido parco, nello stile del ‘giardino all’italiana’ ricco di secolari alberi ad alto fusto con sparsi qua e là resti di reperti archeologici.
La principale caratteristica di questo giardino d’inizio secolo è quella di apparire molto più ampio di quanto sia in realtà, grazie alla prospettiva creata dagli alberi, al mascheramento dei confini e a un sistema di sentieri pedonali che si snoda abilmente nella proprietà. E soprattutto al fatto che il giardino sia suddiviso in tanti altri giardini, diversi ma assolutamente complementari l’uno all’altro, che amplificano la concezione dello spazio. Per esempio, dall’ingresso carrabile si snodano già tre possibili percorsi: il sentiero pedonale, incorniciato da una pergola di rose bianche, che correndo lungo il confine termina al prato antistante la villa, il viale carrabile, fiancheggiato dalla montagnola, che porta direttamente alla villa, e infine la scala che sale direttamente alla montagnola. E una volta percorso uno di questi sentieri, ci si trova di nuovo a dovere scegliere fra altri sentieri successivi – di cui si intravede il percorso iniziale, ma non la meta – che danno la possibilità di scoprire così pian piano, attraverso il passaggio da giardino a giardino, l’intera composizione del parco. Oltre al prato antistante la villa – dal quale si può ammirare la facciata e la loggia che domina la costruzione – e alla montagnola, si possono individuare altre porzioni di giardino o giardini da cui è composto il parco: la collezione di palme che attraverso una scalinata conduce a una terrazza panoramica, l’area ombreggiata delle acidofile che crescono ai piedi del grande cedro, l’area assolata dei rosai e delle piante aromatiche.
Nel 2014 i proprietari hanno realizzato l’App Giardino Villino Volterra (scaricabile gratuitamente sia dell’App Store di Apple che dal Play Store di Google, nella versione italiana o inglese), che permette al visitatore di conoscere l’identità e le principali caratteristiche botaniche delle piante presenti.


Il villino Volterra fu costruito nei primi anni del ‘900 per il matematico Vito Volterra e la famiglia ha conservato ininterrottamente la proprietà fino ad oggi, mantenendo la caratteristica fisionomia delle case di campagne destinate a residenza estiva delle famiglie dell’ alta borghesia romana. E’ stato progettato dall’architetto Giulio Magni. Esistono tutt’ora i disegni originari, il progetto esecutivo e gli scambi epistolari tra il committente, Vito Volterra, l’architetto e l’impresa. Il progetto prevedeva soluzioni estremamente moderne e confortevoli per l’epoca, una scelta di materiali di ottima qualità. Il restauro degli edifici è stato effettuato tra il 2006 e il 2012. Un confronto tra il progetto originario e lo stato attuale rivela che sia la villa sia il parco non hanno subito mutamenti sostanziali.

Il parco della villa ha un notevole ed evidente valore storico, perché rappresenta un tipico e ormai raro esempio di giardino privato d’inizio Novecento. I parchi risalenti a quest’epoca, infatti, sono particolarmente preziosi, perché testimoniano quella fase intermedia, di passaggio fra i giardini ottocenteschi e quelli più moderni che si concretizzarono nei decenni successivi. Caratteristica di questa fase storica di confine è infatti la ricerca di sintesi fra la geometricità e il romanticismo, nel tentativo di riunire contrari quali la poesia e l’architettura, l’arte e la naturalezza, la semplicità e l’ingegno, la regolarità e la fantasia, il rigore e il sentimento. Ricerca che a Villa Volterra trova compimento soprattutto nella realizzazione di una collina artificiale, chiamata da sempre montagnola, sulla quale è stato costituito un labirinto in bosso perfettamente sagomato a cupola: lungo i sentieri che lo percorrono sono disposti ad arte pochi frammenti di reperti archeologici.

Il giardino, dopo un lungo periodo di abbandono, è stato restaurato a partire dal 2003 dalla paesaggista Elena Alleva, che ne guida attualmente la manutenzione con il giardiniere. Ogni anno il restauro procede e il giardino riprende forma. Non si rinnova, ma evolve, si riordina, si apre alla luce, filtra l’aria. E così appaiono ancora più evidenti i segni del passato: i tantissimi bulbi sparsi nel giardino, le superstiti della collezione di piante succulente, le rose antiche, la camelia centenaria, le iris di varietà introvabili e le graziose ortensie a fiore piccolo.

Sulla storia del Villino si può consultare il volume “Il Villino Volterra di Ariccia” a cura di R. Veneziani e V. Volterra – Palombi Editore, 2011.


La Villa e il parco sono a disposizione per la realizzazione di feste e cerimonie, seminari, mostre, degustazioni, sfilate di moda, produzioni cinematografiche, servizi fotografici, soggiorni di studiosi e altre attività culturali.

Al primo piano sono disponibili 3 sale comunicanti dove è possibile allestire pranzi, cene (capienza massima 60 persone sedute a tavola) o altri eventi, come concerti, conferenze, riunioni, presentazioni (massimo 30 persone)
Per brevi soggiorni sono disponibili 4 stanze doppie con bagno privato nell’edificio principale e un appartamento situato in un piccolo edificio all’interno del giardino, composto da 3 locali bagno e cucina. A livello del giardino è disponibile un’ampia cucina professionale, attrezzata. Su richiesta è possibile organizzare eventi come: pranzi, cene e catering fino a un massimo di 100 persone. Lo spazio della cucina è a disposizione anche per corsi e lezioni di cucina fino a un massimo di 12 partecipanti.
Si possono suggerire diverse soluzioni di catering.
All’interno del giardino si trova lo spazio Serra, composto da due locali, uno spogliatoio e un bagno. E’ disponibile per diversi tipi di attività ed eventi, come ad esempio: mostre, degustazioni, seminari, feste per bambini fino a un massimo di 50 persone. E’ inoltre attrezzato per l’organizzazione di sedute di yoga fino a un massimo di 12 persone.
Il giardino é visitabile ogni primo venerdì del mese. Dalle 10 alle 15 nel periodo autunnale e invernale, dalle 10 alle 18 nel periodo primaverile ed estivo. Biglietto: 5 euro a persona. In altri giorni o orari solo su appuntamento (minimo 10 persone)


Servizi Offerti :
Soggiorni Brevi
Weekend
Vacanze
Location Eventi Aziendali
Location Eventi Privati
Location Eventi Culturali
Location Set Cinematografici
Visite Culturali
Ristoranti

Caratteristiche Generali

  • Piscina :
  • Wellness SPA :
  • Accessibilità Disabili :
  • Internet :
  • Animali ammessi :
  • Parco o Giardino :

Ospitalità

  • Numero Camere : 6
  • Posti Letto : 11
  • Prezzo Dimora al giorno : Dato n.d.
  • Prezzo Dimora a settimana : Dato n.d.
  • Prezzo camera al giorno : 90€
  • Prezzo camera a settimana : Dato n.d.

Eventi e Matrimoni

  • Saloni : 3
  • Posti a sedere : 60

Set Cinematografici

  • Set in Esterni :
  • Set in Interni :
  • Set in Giardino :
  • Set in Piscina :
  • Acessibilità Mezzi :

Ristorazione

  • Colazione : Costo n.d
  • Brunch : Costo n.d
  • Pranzo : Costo n.d
  • Aperitivo : Costo n.d
  • Cena : Costo n.d

Visite

  • Costo Biglietto : 5€
  • Giorni : Lun,Mar,Mer,Gio,Ven,Sab,Dom
  • Orari : Dato n.d.
  • Bookshop :
  • Visita con Guida :
Villino Volterra

Regione : Lazio

Provincia : RM

Comune : Ariccia

Indirizzo : Via Vito Volterra, 1

C.A.P. : 00072

Sito Web
Visita Sito Web
Info

Telefono: 06 9320097


Vuoi Contattare la dimora? compila il form con le informazioni richieste (nessuna commissione è prevista dalla prenotazione tramite questo sito)

Non sono ancora presenti commenti su questa Dimora


Hai Visitato la Dimora? compila il form e facci avere un tuo commento

Scopri le più belle Dimore nelle vicinanze

  • Siena, dal ‘200 al ‘400 La Collezione Salini

    Grande successo per la mostra sulla Collezione Salini svoltasi dal 15 giugno al 15 settembre  presso i Magazzini del Sale di Palazzo Pubblico; una raccolta di opere d’arte senesi davvero eccezionale, circa 150 “pezzi” tra dipinti, sculture, oreficerie e maioliche. Le opere sono state presentate nei suggestivi locali dei Magazzini per ricreare lo stile e l’atmosfera del Castello di - [...]
    Vai alla News
  • Cantine aperte in Dimore Storiche

    Il 27 e il 28 maggio, in occasione dell’annuale manifestazione “Cantine Aperte 2017”, promossa dal Movimento del Turismo del Vino, l’Associazione Dimore Storiche Italiane è stata rappresentata da circa 30 aziende vitivinicole consociate. La campagna italiana che circonda numerose dimore storiche è ancora quella dei paesaggi di tante pitture rinascimentali; castelli, cascine, ville e masserie faranno da cornice all’esperienza della scoperta di una produzione vitivinicola di - [...]
    Vai alla News
  • Giornata Nazionale dell’A.D.S.I. – 21 maggio 2017

    Si è svolta domenica 21 maggio 2017 la Giornata Nazionale dell’Associazione Dimore Storiche Italiane: l’iniziativa annuale promossa da A.D.S.I. dove sono state aperte gratuitamente circa 300 splendide residenze d’epoca, castelli, ville, casali, cortili e giardini in tutt'Italia a centinaia di migliaia di visitatori italiani e stranieri.Per celebrare i 40 anni di A.D.S.I. questa - [...]
    Vai alla News
  • Il Grand Tour per Dimore Storiche a Vinitaly

    Verona, 9-12 aprile 2017 – Anche quest’anno ADSI - Associazione Dimore Storiche Italiane è stata presente all'appuntamento di Vinitaly a Verona, a testimonianza del suo crescente impegno nel sostenere la grande tradizione vitivinicola italiana.La partecipazione di soci ADSI alla manifestazione è infatti sempre più numerosa: sono 54 le tenute storiche con cantina che - [...]
    Vai alla News
  • Dimore Storiche nei cieli del mondo con Alitalia

    10 Dimore ADSI sono state citate in 7 pagine del magazine Ulisse di Alitalia con ampi spazi di redazionale dedicati al nostro Grand Tour per un ideale giro d'Italia, dove unire cultura, bellezza e un soggiorno all'insegna della qualità e del saper vivere. Altre dimore nei prossimi numeri.Leggi l'articolo - [...]
    Vai alla News